Trombosi delle vene della prostata

Trombosi: che cos'è, sintomi e prevenzione

Massaggio prostatico 3gp Scaricare Gratis

Si verifica più frequentemente in soggetti predisposti come trombosi delle vene della prostata e malati di tumore, ma è sempre più evidente che esistono individui geneticamente predisposti alla trombosi che possono sviluppare la malattia anche in giovane età e senza rilevanti concause. Questa discrepanza è dovuta al fatto che, in mancanza di riscontro autoptico, la morte per EP viene generalmente attribuita a cause diverse, con grave sottostima del problema.

Dati assai più precisi sono disponibili sulla prevalenza di TVP ed EP in alcune condizioni cliniche ad alto rischio. Tabella 1 -Incidenza di TVP in alcune situazioni mediche e chirurgiche in pazienti non sottoposti a idonea profilassi. Il rallentamento del flusso di sangue nelle vene sembra giocare un ruolo di rilievo, anche se insufficiente da solo, nel causare la TVP. Esistono sedi nelle quali già fisiologicamente il flusso ematico venoso è rallentato, come nelle tasche valvolari delle vene della gamba.

Il rallentamento del flusso ematico determina la diminuita rimozione dei fattori di coagulazione attivati trombosi delle vene della prostata quindi una ipercoagulabilità localizzata.

Studi di intervento hanno dimostrato che mezzi fisici in grado di ridurre la stasi calze elastiche, compressione pneumatica intermittente del polpaccio, elettrostimolazione dei muscoli della gamba si sono rivelati efficaci nella prevenzione della TVP. I processi di coagulazione sono controllati quantitativamente e qualitativamente da specifici meccanismi inibitori fisiologici della coagulazione, fibrinolisi.

Anche per la TVP, come per altre malattie, i fattori di rischio possono coesistere e sommarsi in uno stesso individuo: un paziente di età avanzata affetto da neoplasia maligna avrà un rischio di TVP post chirurgica più elevato rispetto a un paziente giovane senza patologia tumorale. Pertanto, una corretta anamnesi è alla base della successiva ricerca di laboratorio nei soggetti che si suppone trombosi delle vene della prostata predisposti alle trombosi. Principali situazioni cliniche associate ad un aumentato rischio di trombosi venosa profonda.

Gli anticoagulanti naturali, o inibitori fisiologici della coagulazione, trombosi delle vene della prostata i processi coagulativi impedendo che essi procedano in modo eccessivo o in sede inopportuna. La carenza congenita degli anticoagulanti naturali Antitrombina III, Proteina C, Proteina S, è associata ad un elevato rischio di manifestazioni trombotiche. Esistono numerose condizioni patologiche nelle quali si verificano alterazioni acquisite degli inibitori fisiologici della coagulazione: ridotta sintesi epatopatie, farmaci o aumentato consumo malattie autoimmunicoagulazione intravascolare disseminata.

Si calcola che essa sia dieci volte più frequente delle anomalie a carico di antitrombina III, proteina C e proteina S. La forma omozigote, nota come omocistinuria, determina gravi alterazioni. Lo stato di portatore eterozigote del difetto determina un moderato aumento dei livelli plasmatici di omocisteina; si tratta di una condizione frequente nella popolazione, ma difficile da individuare con le attuali procedure di laboratorio, ancor oggi eseguibili solo in alcuni centri specializzati.

Si tratta di una situazione acquisita, caratterizzata dalla comparsa di autoanticorpi contro i fosfolipidi. Tali anticorpi agiscono in provetta come un anticoagulante, per esempio prolungando il tempo di tromboplastina parziale, ma nel soggetto affetto aumentano il rischio di trombosi sia arteriose che venose e, nella donna, il rischio di poliabortività spontanea. La TVP degli arti inferiori è la più frequente. Non esiste alcun sintomo o segno specifico di TVP.

Per tale motivo, nei pazienti chirurgici ad alto rischio, è indispensabile attuare efficaci misure di prevenzione della trombosi e talvolta usare routinariamente gli strumenti diagnostici anche in assenza di sintomi. L'indirizzo email non verrà pubblicato. Sito web. Hai disabilitato Javascript. Per poter postare commenti, assicurati di avere Javascript abilitato e i cookies abilitati, poi ricarica la pagina.

Clicca qui per istruzioni su come abilitare Javascript nel tuo browser. Anticoagulante lupico e trombosi delle vene della prostata da anticorpi antifosfolipidi Si tratta di una situazione acquisita, caratterizzata dalla comparsa di autoanticorpi contro i fosfolipidi.

Share List. Articolo precedente Ulcera Articolo successivo Ipertrofia prostatica. Lascia una risposta Annulla risposta L'indirizzo email non trombosi delle vene della prostata pubblicato. La Qualità ci appassiona. Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Ok No. Revoca cookie.