Che è possibile caricare la prostata

Prostata ingrossata: una nuova terapia

Mughetto e limpatto di prostatite

Questo tipo di procedura comporta pertanto una serie di problemi:. La necessità di eseguire un numero elevato di prelievi comporta un rischio più alto di complicanze e tempi allungati di esecuzione.

La nuova tecnica di biopsia prostatica mirata sulle immagini della risonanza magnetica rappresenta una rivoluzione della procedura: rispetto alla tecnica di biopsia eco-guidata è risultata più accurata nella diagnosi dei tumori prostatici aggressivi e richiede un numero minore di prelievi.

In cosa consiste la che è possibile caricare la prostata magnetica multiparametrica della prostata? Per ulteriori dettagli si rimanda a questo precedente articolo interamente dedicato alla risonanza magnetica multi-parametrica. Questa procedura è teoricamente possibile ma — a causa di una serie di aspetti tecnici — risulta estremamente indaginosa, lunga e costosa.

In pratica si esegue solo in centri ultra-specializzati e a scopo solo di ricerca. La nuova tecnica di fusione di immagini eco-RM: il presente e il futuro della biopsia prostatica. Le fasi della biopsia prostatica con fusione di immagini:. Si introduce la sonda ecografica transrettale. Il punto chiave della tecnica è quello della fusione. A questo punto — azionando un apposito comando — avviene la procedura software di fusione delle immagini ecografiche con quelle ottenute dalla risonanza magnetica.

Da questo momento in poi ritroveremo le aree bersaglio individuate con RM-mp integrate nelle immagini ecografiche ottenute dalla sonda transrettale.

Questo — come già detto — trasforma la biopsia prostatica da una metodica di che è possibile caricare la prostata alla cieca in una tecnica bioptica precisa e mirata. Questo comporta una netta riduzione del numero di biopsie inutili con ovvi benefici per i pazienti. Complicanze della biopsia prostatica con tecnica di fusione: Le complicanze di questa metodica sono le stesse della biopsia prostatica tradizionale, ma la loro incidenza è risultata più bassa. Questo deriva ovviamente dal fatto che il numero di prelievi che è possibile caricare la prostata risulta inferiore.

Si tratta quasi sempre di problemi di lieve entità e con risoluzione che è possibile caricare la prostata nel giro di alcuni giorni. Nella biopsia transrettale esiste un rischio di infezioni urinarie dovute al passaggio di germi presenti nel retto verso la ghiandola prostatica. La biopsia prostatica fusion consente di ridurre notevolmente questi rischi. Messaggio conclusivo: La nuova tecnica di biopsia prostatica con fusione di immagini eco-RM sta rivoluzionando il percorso diagnostico nei pazienti con sospetto tumore della prostata.

Your email address will not be published. Questo tipo di procedura comporta pertanto una serie di problemi: 1. Le fasi della biopsia prostatica con fusione di immagini: 1.

Leave a Comment Cancel Reply Your email address will not be published.